La versione di mio marito

(english version here)

LA BICI CON MIO MARITO
(SECONDO MIO MARITO)

I 5 pilastri della saggezza:

   1) Se c’è una bella ragazza in bici, stai sicuro che sta pedalando nella direzione opposta.
(“bella ragazza” non è esattamente il termine da lui utilizzato)

2)      Il ciclista non è solubile in acqua.
(va da sé che questo significa che si esce anche quando piove)

3)      La differenza sta nel manico
(questa non l’ho ancora capita)

                                     4) Se stai faticando e un altro ciclista ti passa accanto e ti saluta, tu tira fuori tutto il fiato che hai e saluta fingendo di essere in pianura, anzi in discesa.
(per quanto mi riguarda, io, nell’incertezza, sto zitta, perché solitamente sto morendo)

5)  Non preoccuparti, dopo la curva spiana
(Preferisco non commentare…)

Le 5 raccomandazioni a me:

1)      Stai in scia.

2)      Stai in scia

3)      Stai in scia

4)      Stai in scia

5)      Stai in scia

(e io, NON sto in scia)

I 5 divieti di mio marito (a me, s’intende) :

 1)      Non si chiede mai “secondo te sta per piovere?”

2)      Non si parla

3)      Non si risponde al telefono

4)      Non ci si ferma a parlare con nessuno, anche se ti chiedono indicazioni

5)      Non si chiedono indicazioni

Le 5 frasi evergreen, che non mancano ad OGNI uscita:

1) stai usando un rapporto troppo lungo: accorcia.
(risposta: “così??” E immancabilmente sbaglio a cambiare marcia)

2) ammirando il panorama mozzafiato “Ma in che posto stupendo ti ho portata?”
(non fa niente se il percorso l’ho deciso io)

3) Si gira, guarda dietro, verso di me e mi chiede: “Tutto ok, amore?”
(poi si rigira senza aspettare la risposta)

4)   Dopo la curva spiana.
(lo so, l’ho già scritto, ma questa frase è il mio incubo)

5) tornati a casa dopo 100km  “bella la sgambatina di oggi!”
(sgambatina???? io sono DISTRUTTA!!!)

Ciclabile Vello-Toline

“il marito” sulla bellissima ciclabile Vello-Toline. (non ero in scia…)